10.07.2024
Apprezzamento per i prodotti locali

Informazioni sul latte

 

 

Ha un modo di fare energico, cordiale e persino caloroso, si può ben immaginare Anna Ludwig nel ruolo di assistente sociale. È questo il suo attuale lavoro. Ma è anche un'ottima allevatrice di mucche. La 26enne è cresciuta nel maso Oberleiterhof a San Pietro in Valle Aurina, a 1.300 metri di altitudine, che la sua famiglia gestisce tuttora. In altre parole, in mezzo alla natura incontaminata, da cui proviene niente o tutto: la genuinità, la forza dell'acqua dai numerosi ghiacciai, la solitudine e le mucche. Anna ha imparato a nutrire e mungere gli animali. Aiuta nella fienagione, nella gestione della malga e dell'orto.
 

 

Anna Ludwig - giovane allevatrice di mucche

 

"C'è davvero tanto lavoro nel maso", dice Anna. Ha ottenuto ben 112 punti di difficoltà. Questi sono i punti assegnati in presenza di terreni scoscesi, particolarmente difficili da coltivare, e sono associati ad aiuti e sovvenzioni più cospicui. A partire da 40 punti, un maso è considerato fattoria di montagna, a partire da 100 punti la gestione diventa un lavoro massacrante. Molte faccende possono essere eseguite solo a mano o, meglio ancora, con tante mani laboriose.

 

"Nel maso siamo quattro figlie, ora tutte giovani donne, e diamo un valido aiuto. La giornata di un allevatore inizia presto, verso le sei, con la mungitura e l'alimentazione. Per fortuna, il camion del latte biologico non arriva prima di mezzogiorno e non dobbiamo alzarci presto come gli altri produttori di latte, dove il camion arriva intorno alle 5.30 del mattino", dice Anna mentre accarezza la testa dei vitelli nella stalla. "Queste sono Roberta e Sonja, hanno le iniziali delle loro madri".

 

Giovane allevatrice di mucche Anna Ludwig

 

"La sera, le 15 mucche da latte vengono munte per la seconda volta e tra una mungitura e l'altra pascolano insieme ai loro giovani bovini e vitelli nei prati intorno al maso. Questa vista farebbe invidia a molti turisti, la posizione sul versante soleggiato è di prim'ordine. Ma non è tutto oro quello che luccica. "La burocrazia è la sfida più grande per gli agricoltori di montagna. Scrivere e-mail e richieste, partecipare a vari appuntamenti, pagare i conti, emettere fatture: è brutale. I nostri genitori non hanno mai avuto a che fare con i computer, preferiscono lavorare all'aperto. Fortunatamente, noi figlie possiamo dare un grande aiuto".

 

Come vede il futuro dell'industria lattiero-casearia in Alto Adige? "Sono molto fiduciosa e penso che molte aziende agricole continueranno a essere operative. In particolare, nella nostra Tauernalm vedo quanto gli ospiti apprezzino i nostri prodotti. Vedono che le mucche stanno bene e il formaggio ha un sapore molto più buono. Per questo motivo, credo che la cooperazione tra l'agricoltura regionale e il settore alberghiero offra un grande potenziale non sfruttato". Questo è anche il motivo per cui si impegna da volontaria come vicedirettrice regionale dell'Unione Giovani Agricoltori Sudtirolesi. "Voglio fare la differenza e contribuire a dare forma alle cose. Mi interessano i processi politici e mi piace stare in mezzo alla gente". L'Unione Giovani Agricoltori è organizzata in comitati locali, distrettuali e provinciali. Organizziamo feste e corsi di formazione, diffondiamo informazioni ai gruppi, discutiamo di questioni politiche e promuoviamo la coesione e la cooperazione tra i giovani agricoltori. Le competizioni come la 'falciatura a mano' con la falce e la 'guida di abilità con i trattori' sono particolarmente popolari".

 

Un giorno prenderà in mano la fattoria? "Al momento sembra che lo farà mia sorella minore. Ama molto l'agricoltura e gli animali. Tuttavia, il mio cartello indica chiaramente che diventerò un'allevatrice, perché anche il mio fidanzato proviene da una fattoria e questa vita mi piace moltissimo: l'isolamento e la libertà che non credo esistano in città".

 

Giovane allevatrice di mucche con l'impegno nel volontariato: Anna Ludwig

 

 

© Immagini: IDM Alto Adige/Sylvia Pollex