12/11/2020
Il segreto della felicità? Chiedetelo ad Alma e Gabi!

Aktuelle Informationen rund um die Milch

 

Mucche soddisfatte forniscono latte di qualità

I contadini che gestiscono i circa 4.500 masi di montagna altoatesini operano da sempre in maniera sostenibile per la produzione di latte con il sigillo di qualità Alto Adige: la sostenibilità plasma il pensiero e l’azione a lungo termine e, oltre ad aspetti ecologici e socioeconomici, contempla anche il benessere degli animali. Infatti, solo se questi ultimi stanno bene possono mantenersi efficienti e in salute, motivo in più per cui la loro prosperità sta molto a cuore agli allevatori: dal perfetto connubio tra uomo e animale, ha origine il pregiato latte con il sigillo di qualità Alto Adige. 

 

Affinché gli animali si sentano a proprio agio, è necessario instaurarvi un rapporto “personale”. Rispetto ad altre regioni del mondo, in Alto Adige disponiamo di aziende di piccole dimensioni con una media di 15 vacche e 8 bovini giovani. Ma qui gli animali non sono numeri, hanno un nome: solo così gli agricoltori possono dare vita a una gestione individuale, sviluppando una particolare sensibilità che consente di distinguere la mucca schiva da quella estroversa, quella cordiale da quella più sfacciata.

Vita da contadino altoatesino

La tradizione di chiamare per nome il bestiame affonda le radici nel passato. Di regola, ai vitellini vengono dati nomi la cui iniziale richiama quella della madre. Può quindi capitare, durante un’escursione lungo il Sentiero del latte in Val di Valles, di incappare in Gerda che pascola accanto al vitellino Glocke. Questa usanza consente ai contadini di ricordare sempre l’origine di ogni capo, concentrandosi inoltre sulle sue caratteristiche e stravaganze familiari. I nomi più comuni per le vacche altoatesine sono: Alma, Gabi, Glocke, Susi, Sonne, Blume, Sara, Laura, Biene.

 

Spesso è possibile leggere tali nomi anche sulle targhette gialle applicate alle loro orecchie, che fungono così da “documento d’identità” e consentono di rintracciarle e riconoscerle ovunque. Quindi, la prossima volta che incontrate una vacca al pascolo, chiamatela per nome!